Dio è ovunque intorno a noi. Ogni giorno è un suo e un nostro miracolo


Continua a leggere

Sharing is caring...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on LinkedInPin on PinterestShare on Google+Email this to someonePrint this page

Meditazione | 3 – Espansione del nostro amore, visione delle meraviglie terrestri, contatto col nostro cuore, ringraziamento

Amore per la Terra e per la vita

Espansione dell’amore

Come ripetuto più volte in alcuni articoli sulla meditazione, specialmente in quelli introduttivi, questa pratica dovrebbe svilupparsi in piena autonomia. Siamo tutti simili ma diversi e il nostro “viaggio” attraverso le infinite dimensioni extra-terrestri può essere visualizzato solo da ciascuna, unica e inimitabile sub-coscienza, da ciascun “Sè superiore”. Continua a leggere
Sharing is caring...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on LinkedInPin on PinterestShare on Google+Email this to someonePrint this page

Meditazione | 4 – Attivazione epifisi, viaggio nel Sistema Solare e nell’infinito Universo

Meditazione viaggio cosmico

Meditazione viaggio cosmico

Dopo il meraviglioso viaggio intrapreso nella prima parte di meditazione, ora siamo pronti a spingerci più lontano. La nostra concentrazione si sposta dal cuore alla ghiandola pineale, il famoso punto in mezzo alle sopracciglia. L’attenzione rivolta a questo punto non viene consigliata per caso, ha una motivazione ben precisa e quando diverrete esperti maestri percepirete intense sensazioni proprio in quell’area.

Continua a leggere

Sharing is caring...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on LinkedInPin on PinterestShare on Google+Email this to someonePrint this page

Meditazione | 5 – Connessione del nostro “Sé superiore” con il “tutto” e desideri

Connessione del Sè Superiore

Connessione del Sè Superiore

Dopo aver letto le fasi 1 e 2 sulla meditazione visuale forse avrete la sensazione che sia una “storia” infinita, una pratica da 2 ore o più, e questo mi fa sorridere. Forse sono un po’ troppo enfatico nel descrivere la mia esperienza e i suoi dettagli, ma non badate troppo alla forma, ricordatevi che sarete voi a dipingere il vostro viaggio e la durata della pratica di volta in volta. Questo articolo per molti risulterà ulteriormente difficile da comprendere, ne sono certo, questo perché non è assolutamente facile cercar di descrivere un “viaggio” sub-conscio così complesso.

Continua a leggere

Sharing is caring...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on LinkedInPin on PinterestShare on Google+Email this to someonePrint this page